Prima pagina su Google

La SEO e i tempi del posizionamento: it’s a long way to the top

“It’s a long way to the top, if you wanna rock’n’roll” cantava il buon Bon Scott a spasso su un camion per le strade di Melbourne. Il concetto, riveduto e aggiornato, è valido anche per la SEO e il posizionamento su Google. Se qualcuno vi si è presentato con mirabolanti promesse di posizionarvi in prima pagina su Google entro una settimana o venti giorni state pur certi che vi sta mentendo o vi sta ingannando. Per fare SEO occorre tempo e pazienza. Ma non solo.

Il lavoro di analisi

La verità, signori, è che la SEO non è una scienza esatta ma è un lavoro fatto di analisi accurate, correzione degli errori, costruzioni di una reputazione online che deve essere solida e autorevole non soltanto agli occhi di Google ma anche e soprattutto agli occhi degli utenti, dei lettori, dei clienti e potenziali tali.

Ottimizzare un sito lato SEO significa anche fare un’analisi della concorrenza, valutare possibili partner, lavorare sulle giuste parole chiave, individuare una nicchia, redarre testi ottimizzati, lavorare sui tag, sulle description, sulla struttura delle url, sulle immagini e la struttura del sito.

Lavorare sulla SEO di un sito significa anche mantenersi costantemente aggiornati sugli aggiornamenti dell’algoritmo di Google e su quello che Mister G. chiede oggi ad un sito per ritenerlo ben fatto. Quindi no, quello che avete fatto nel 2001 per posizionare il vostro vecchio sito e che ha funzionato così bene non è replicabile. Anzi oggi sarebbe sconsigliato.

Per fare tutto questo occorre tempo: tempo per l’analisi, tempo per apportare le prime modifiche, tempo per misurare i risultati e poi tempo per ricominciare da capo.

Parole chiave e nicchie di mercato

Fattore fondamentale di una strategia SEO sono le parole chiave sulle quali si decide di lavorare. Per ottenere buoni risultati è essenziale individuare quelle giuste. Meglio puntare su parole chiave precise non generiche, che possono portare traffico di qualità sul sito, piuttosto che cercare di posizionarsi con parole chiave generiche, con milioni di risultati e una concorrenza altissima. Naturalmente, anche queste scelte influiscono sui tempi necessari per ottenere risultati: maggiore è la concorrenza e maggiore è il tempo necessario per ottenere un miglioramento nel posizionamento. Attenzione anche alle truffe però: se qualcuno vi propone di farvi arrivare in prima pagina con il nome della vostra azienda associato alla località, e vuole essere pagato per questo, non vi sta proponendo un buon affare.

I tempi della SEO

Prima che questo lavoro di analisi, modifica e controllo possa dare i primi risultati visibili potrebbero passare uno o due mesi. Quindi è perfettamente inutile che la settimana successiva al primo intervento vi mettiate a cercare il vostro sito nelle SERP con l’aspettativa di scoprire chissà quale cambiamento, potreste rimanere delusi. Questo non significa che non è mai possibile vedere risultati a breve termine, significa soltanto che per poter valutare la bontà di un intervento SEO è necessario non avere fretta e attendere un tempo ragionevole (generalmentre dai 3 ai 6 mesi a seconda del tipo di sito, del settore e della concorrenza), necessario per verificare oscillazioni e stabilizzazioni dei posizionamenti con le diverse parole chiave.

  • Beatrice Ricci

    Un informazione importante, questa sulle tempistiche della SEO: da cliente, penso la si debba dare sempre per evitare illusioni 😉